Mondiale per club 2025: ecco le squadre qualificate e cosa c’è da sapere

L’eliminazione del Napoli in Champions regala il pass alla Juve: ecco le altre squadre qualificate al Mondiale per club, le date e il format del trofeo. 

Trentadue squadre, una competizione che si annuncia avvincente e soprattutto ricchissima, e poi una data in cui negli Stati Uniti arriveranno club da tutto il mondo con un obiettivo prestigioso.

Mondiale per club squadre qualificate
Simone Inzaghi e Massimiliano Allegri hanno già il pass per il Mondiale per club (controcalcio.com) – LaPresse

Il Mondiale per club 2025 fa già discutere, e sarà un ranking con precise indicazioni a delineare la griglia di partenza in una competizione in cui tutti giocheranno per salire sul tetto del mondo. Il format è già chiaro. In America voleranno 4 squadre dall’Africa e quindi dalla Caf, divise fra le tre vincitrici della Caf Champions League degli ultimi anni e una in arrivo dal ranking.

Stesso numero per i club asiatici, mentre fra Nord, Centro America e Caraibi saranno sempre 4 squadre, però tutte vincitrici della Concacaf Champions Cup. Per quel che riguarda il Sudamerica saranno 6 i club CONMEBOL, quindi le 4 che hanno vinto la coppa Libertadores e le due restanti dal ranking. Sempre dal ranking uscirà fuori l’unico posto previsto per l’Oceania, mentre un posto e per il paese ospitante e dall’Europa arriveranno in America 12 club.

Si tratterà delle 4 vincitrici della Champions League negli ultimi anni, quindi con posti già assegnati, e di altre 8 squadre che arriveranno prima nel ranking. Molti posti sono quindi già assegnati, ed ecco dove e quando si sfideranno i club, e soprattutto chi è quasi sicuro di strappare un pass per volare negli States.

Mondiale per Club, cosa c’è da sapere

Molti posti sono quindi già assegnati. Real Madrid, Manchester City, e Chelsea hanno vinto le ultime tre Champions, e insieme a chi alzerà la prossima sono i primi club europei qualificati.

Mondiale per club cosa c'è da sapere
Il Manchester City punta al titolo al Mondiale per club (controcalcio.com) – LaPresse

Stesso discorso vale per Al Ahly, Wydad, Al Hilal e Urawa Red Diamonds, club che dal 2021 in poi hanno alzato la CAF Champions League, mentre fra le americane sono certe di un posto il Monterrey e Club Leon dal Messico e i Seattle Sounders. Dall’Oceania il pass lo ha strappato l’Auckland City, mentre Flamengo, Fluminense e Palmeiras, ultime tre vincitrici della Libertadores si preparano già all’evento.

C’è però chi grazie al ranking ha giù un biglietto per gli Stati Uniti. Si tratta di Bayern Monaco, Psg, Inter, Porto, Benfica, Borussia Dortmund e Juventus, che soddisfano i parametri imposti. Il coefficiente Uefa, vero termometro da tenere in considerazione, si basa sul percorso delle squadre nelle 4 stagioni precedenti ad un appuntamento che avrà la stessa frequenza di quello per le nazionali, e in tal senso emergono anche le attuali posizioni delle italiane.

La Juve nonostante non abbia partecipato alle coppe in questa stagione, ha 5 punti di vantaggio sul Napoli, che sarebbero stati cancellati da un eventuale passaggio del turno dei partenopei contro il Barcellona. Il coefficiente Uefa accumulato dai bianconeri permette quindi al club di scavalcare la squadra di Calzona e quel vantaggio basta per avere il semaforo verde.

Mondiale 2025: quanto guadagnano i club e il format

A conti fatti la Juventus, così come l’Inter e gli altri club già qualificati, incasseranno una cifra vicina ai 50 milioni di euro. 

Mondiale per club come si svolge
Marcus Thuram e Danilo (controcalcio.com) – LaPresse

Anche per questo motivo la qualificazione è fondamentale in un format che ha già regole ben precise, e che di fatto raddoppia gli introiti per chi vince e li aumenta gradualmente per chi avanza nella competizione. Per farlo bisognerà superare la fase a gironi, che saranno 8, e dai quali avanzeranno le prime due.

Dagli ottavi in poi si giocheranno solo partite uniche fino alla finale, e non è prevista la finalina per il terzo e quarto posto. Non resta quindi che attendere giugno, precisamente il 15, per una manifestazione che andrà avanti fino al 13 luglio e che già scatena la caccia ai biglietti, che non è ancora partita ma si preannuncia infuocata.

 

 

Impostazioni privacy