“Il responsabile è lui”: attacco durissimo in diretta, Lazio nella bufera (Video)

Scoppia la bufera intorno alla Lazio: l’attacco in diretta è violentissimo, le parole sono dure, ecco cos’è accaduto

In casa Lazio è accaduto di tutto e di più negli ultimi giorni. L’addio a sorpresa di Igor Tudor ha sconquassato tutto l’ambiente biancoceleste. Il tecnico ha rotto con il presidente e con la dirigenza e, contrariato per alcune scelte di mercat, ha alzato i tacchi ed ha detto addio.

Attacco Lazio
“Lui è il responsabile”: attacco dei tifosi della Lazio (LaPresse) – Controcalcio

Una scelta che Lotito ha accettato per poi fiondarsi immediatamente alla ricerca di un suo sostituto. Diversi i nomi circolati nei giorni scorsi e soprattutto nelle ultime ore fino a quello che avrebbe convinto più di tutti: Marco Baroni. Sarà l’ormai tecnico ex Verona a guidare la società bianconceleste nella prossima stagione.

Con gli scaligeri ha centrato una salvezza a dir poco miracolosa ed ora sembra pronto al grande salto in una big. O, almeno, è quello che pensa il patron laziale che ha deciso di affidargli la guida della squadra. Ed ora, ad annuncio avvenuto, sarà davvero curioso capire le richieste di mercato dell’allenatore che a Verona ha giocato con la difesa a quattro, dopo l’interregno dello schieramento a tre dietro visto con il croato.

Lazio, attacco durissimo: diretta rovente

L’ambiente biancoceleste è davvero in fermento, addirittura furente. Nell’ultima live di Controcalcio Tv è intervenuto Augusto Sciscione un po’ ad evidenziare l’umore dei tifosi. “Se sbaglia Baroni se ne se ne assume le responsabilità” ha spiegato l’influencer che poi ha puntato il dito.

Fatta la scommessa Baroni, se non dovesse vincerla, deve lasciare Formello” ha proseguito. “Il problema è Lotito, lo sappiamo tutti, è lui il responsabile. Se, però, insieme a Lotito c’è chi avalla questa situazione e non lo consiglia nella maniera giusta…” ha aggiunto, con riferimento chiaro evidentemente al ds Fabiani oppure a qualcuno dei suoi più stretti collaboratori.

Anzi, va a fare un nome che è improponibile per la piazza biancoceleste perché noi siamo passati da Sarri a Tudor che ha fatto il record di punti con il Verona a Baroni che di punti con la squadra scaligera ne ha fatti 38. Io mi metto a piangere” ha concluso quasi disperato.

Sembra evidente il malumore della piazza per una scelta che al momento sembra essere più un passo indietro che altro per la società biancoceleste. Ovviamente sarà il campo a dare l’ultima parola ma in molti non sono certo soddisfatti.

Impostazioni privacy