Roma, durissimo scontro in diretta: “È un impostore”

Dopo la sconfitta in semifinale di Europa League contro il Bayer Leverkusen, qualcuno nella Roma è finito sotto attacco: “È un impostore”

L’andata della semifinale di Europa League della Roma contro il Bayer Leverkusen non è decisamente andata come i tifosi giallorossi si aspettavano. Al di là degli errori commessi dai calciatori in campo, uno su tutti Rick Karsdorp che ha propiziato il primo gol dei tedeschi, per Alessio Manieri, in arte Daje Ale, anche altri hanno fatto degli sbagli.

Duro scontro sulla Roma
Cresce la delusione alla Roma dopo il ko in Europa League (LaPresse) – controcalcio.com

Nella diretta di Controcalcio su Twitch, l’insider dei capitolini ha risposto in maniera indiretta all’intervista di Tiago Pinto, l’ex general manager che ha lasciato la società a febbraio dopo poco più di tre anni e, per lui, acquisti non certamente all’altezza.

Nello specifico, Daje Ale si è concentrato a smentire la frase in cui il portoghese ha ammesso di essere “molto grato per l’opportunità che ho avuto, credo che abbiamo fatto un buon lavoro” spiegando come di fatto la squadra costruita abbia dimostrato delle lacune anche nella sfida decisiva per Dublino giocata allo stadio Olimpico giovedì, in cui i tedeschi hanno mostrato la loro superiorità in tutte le zone del campo.

Daje Ale contro Tiago Pinto: “È un impostore, ha pagato Abraham 45 milioni”

“Tiago Pinto è un impostore”, ha detto senza mezzi termini l’insider della Roma subito dopo aver criticato le scelte fatte dall’ex general manager e anche da José Mourinho che, con lui, ha costruito la squadra. Innanzitutto Daje Ale ha ricordato che il rinnovo all’esterno olandese lo ha siglato Pinto, altrimenti, ha puntualizzato, “il contratto sarebbe scaduto nel 2023”.

Duro scontro sulla Roma
Daje Ale ha riservato parole dure per Tiago Pinto (LaPresse) – controcalcio.com

Non solo, però, perché tra le scelte che ha reputato assolutamente sbagliate c’è anche l’arrivo di Tammy Abraham – l’attaccante inglese, contro il Leverkusen, si è divorato un gol a pochi passi dalla porta che avrebbe reso meno amara la sconfitta e che avrebbe reso più semplice il ritorno per gli undici di Daniele De Rossi e aumentato le possibilità di rimonta.

Abraham lo abbiamo pagato 45 milioni di euro – ha sottolineato ancora l’ospite della trasmissione calcistica -. Potevi prendere Scamacca con 20 milioni e con i soldi che rimanevano prendevi anche Xhaka”, lo stesso giocatore che in campo con i tedeschi giovedì ha dimostrato di essere fondamentale per Xabi Alonso, tanto da fare la differenza. Insomma, i rimpianti non mancano, ma ora bisogna guardare avanti.

Impostazioni privacy