Nuova proprietà araba per l’Inter: “Hanno un patrimonio smisurato”

L’Inter, fresca vincitrice dello scudetto (e della seconda stella), potrebbe presto finire in mani arabe, meglio saudite, con un patrimonio smisurato

L’obiettivo stagionale, l’Inter, lo ha centrato in pieno, e alla grande. La vittoria nel derby contro il Milan di lunedì si può infatti definire storica considerato che, con cinque giornate d’anticipo, ha garantito alla squadra di Simone Inzaghi di laurearsi campione d’Italia per la ventesima volta – e anche perché per la prima volta uno scudetto è stato assegnato in una stracittadina.

Una cordata araba per l'Inter
Steven Zhang dovrà risolvere a breve i problemi societari e giudiziari (LaPresse) – controcalcio.com

Al di là, però, di quelli che sono i successi sul campo, i nerazzurri, e in particolare il presidente Steven Zhang, devono capire che ne sarà del futuro della società. Il debito da onorare entro maggio con Oaktree, il fondo statunitense, sembra debba essere rifinanziato, ma ancora non ci sono ufficialità su questo. Tra le ipotesi, secondo quanto riportato nella diretta di Controcalcio su Twitch da Fabio Bergomi, a fornire i soldi che serviranno ai cinesi per tenersi il gioiellino ci penseranno dall’Arabia Saudita.

Entrati con tutti i piedi nel mondo del calcio, specialmente attraverso la compravendita del Newcastle (ma non solo), gli arabi dovrebbero portare una ventata di positività all’Inter, considerato l’ingente patrimonio che hanno a disposizione.

L’Inter parlerà arabo: “I sauditi hanno un patrimonio smisurato”

A differenza di quanto successo per il Newcastle, Bergomi ha spiegato che non sarà direttamente il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, e quindi il fondo Pif a entrare a far parte della famiglia dell’Inter, ma sarà una cordata, vicina allo stesso, di private equity.

Una cordata araba per l'Inter
Una cordata araba è pronta a entrare nell’Inter (LaPresse) – controcalcio.com

Il tifoso e insider interista, sempre in dubbio sul fatto che potessero gli statunitensi a prendersi una parte della società, ha specificato inoltre che è proprio attraverso il lavoro fatto da loro (gli statunitensi) che si sono trovati i nuovi investitori arabi.

Avendo unpatrimonio smisurato”, come ha concluso Bergomi, i supporter possono sicuramente tirare un sospiro di sollievo e magari sognare quegli acquisti che lo stesso Inzaghi ha chiesto in diretta televisiva, e a modo suo, al direttore sportivo Piero Ausilio. Joshua Zirkzee, finito pesantemente nel mirino dell’Inter, potrebbe non essere solo un nome buttato nella mischia, insomma, e chissà chi altro potrà arrivare a rinforzare ancora di più una rosa che ora vuole primeggiare in Europa, e nel mondo.

Impostazioni privacy