Udinese-Roma con tre allenatori diversi: c’entra ancora De Rossi

La partita tra Udinese e Roma si concluderà con tre allenatori diversi dopo l’esonero di Cioffi, ma non è la prima volta che accade: allora lo zampino lo mise De Rossi

La sconfitta in casa del Verona è costata a Luca Cioffi la panchina dell’Udinese. Il tecnico fiorentino, arrivato in corso d’opera in Friuli dopo l’esonero di Andrea Sottil, verrà sostituito da Fabio Cannavaro.

De Rossi e i tre allenatori diversi in Udinese-Roma
De Rossi è al centro di una strana coincidenza (LaPresse) – controcalcio.com

Il Pallone d’oro e capitano della nazionale campione del mondo del 2006 esordirà da allenatore in Serie A contro la Roma, il 25 aprile. Saranno i suoi primi 19 minuti, più recupero, considerato che la sfida era stata interrotta per il malore di Evan Ndicka, di cui si è tanto discusso.

I giallorossi, infatti, avevano chiesto alla Lega che governa il nostro massimo campionato di mettersi una mano sulla coscienza, e di riprenderla in maniera tale da non ostacolare il percorso in Europa League della squadra di Daniele De Rossi, ma tant’è: nel giorno della festa della Liberazione, alle 20, al Bluenergy Stadium, Udinese e Roma riprenderanno dall’1-1, certo, e quindi anche con tre allenatori diversi a guidare le due rose. Non è però la prima volta che accade nella storia della nostra Serie A.

Anche Roma-Bologna del 2011 venne disputata da tre diversi allenatori

Anche il precedente che, secondo quanto ha fatto notare dal giornalista Giuseppe Pastore, è datato 2011 vedeva come protagonisti i giallorossi. La sfida che venne interrotta però si giocava al Renato Dall’Ara, quindi contro il Bologna, e venne sospesa il 30 gennaio, a causa della neve, e al 16esimo del primo tempo.

De Rossi e i tre allenatori diversi in Udinese-Roma
Cannavaro sfiderà ancora De Rossi nel recupero di Udinese-Roma (LaPresse) – controcalcio.com

All’epoca, il tecnico della Roma era Claudio Ranieri, che venne esonerato per i risultati, dando spazio a Vincenzo Montella che riuscì a portare a casa il risultato grazie alla rete proprio di De Rossi, qualche settimana più tardi – era il 23 febbraio.

Un caso curioso, certo, che potrebbe rivelarsi anche premonitore per l’ex centrocampista, e anche lui campione del mondo del 2006. Al di là di quello che sarà, e soprattutto di come potrebbe incidere nella preparazione della sfida contro il Bayer Leverkusen per le semifinali di Europa League, l’allenatore giallorosso starà comunque pensando a come affrontare proprio i felsinei di Thiago Motta, che arriveranno a Roma per prendersi la qualificazione in Champions League, o comunque fare un passo avanti verso quella musica da sogno.

Impostazioni privacy