“Vedono il millimetro e non la frase a Juan Jesus”: Balotelli riaccende il caso Acerbi

Il caso Acerbi è terminato con un nulla di fatto, ma se ne continua a parlare: l’opinione di Mario Balotelli sul caso ha già fatto il giro del web

Il presunto insulto razzista di Francesco Acerbi a Juan Jesus durante Inter-Napoli tiene banco da ben due settimane, ma il caso non è destinato a spegnersi, neanche dopo la decisione del giudice sportivo. Di fatto, il difensore del club nerazzurro non è stato punito per insufficienza di prove, altrimenti si sarebbe dovuto fermare per almeno dieci giornate e probabilmente avrebbe perso anche gli Europei con l’Italia.

Le parole di Balotelli riaccendono il caso Acerbi
Mario Balotelli crede che Acerbi sia stato protetto (Screenshot) – controcalcio.com

Il tema è ancora caldo, e infatti se n’è parlato anche nella diretta di Controcalcio su Twitch, a cui hanno partecipato ospiti parecchio importanti. In collegamento c’erano Mario Balotelli, Enock Barwuah, Emiliano Viviano e Radja Nainggolan, oltre a Damiano Er Faina ed Enerix. Hanno dimostrato come ci sia ancora un po’ di confusione su quanto accaduto, ma soprattutto fa discutere il pensiero dell’ex attaccante di Inter, Milan e Manchester City.

È stato lui, infatti, a dire cheÈ impossibile non vedere quello che ha detto. Ci vedono il millimetro del fuorigioco e non riescono a vedere una frase in campo?”.

Balotelli chiaro sul caso Acerbi: hanno voluto proteggerlo?

Viviano la pensa in maniera un po’ diversa e ha sottolineato fin da subito che lui non ha mai creduto a dietrologie di nessun tipo. Ha chiesto anche al centravanti dell’Adana Demirspor: “Secondo te, c’è un sistema per proteggere Acerbi perché è un calciatore dell’Inter e della Nazionale?”.

Le parole di Balotelli riaccendono il caso Acerbi
Acerbi non subirà alcuna squalifica per insufficienza di prove (LaPresse) – controcalcio.com

A questo quesito diretto, Balotelli ha risposto: “Per me ci potrebbe stare, sì, per me sì“. E il portiere ha replicato, ancora: “Non ho mai creduto a queste cose, sinceramente”. A prescindere da queste ipotesi, l’ex Inter reputa parecchio grave la presunta frase di Acerbi, ovviamente, e ha affermato che “Se l’avesse detto a lui, gli avrebbe anche dato un pugno in faccia”.

Resta il fatto che praticamente tutti i partecipanti alla diretta hanno ammesso di credere che la frase incriminata sia stata realmente pronunciata, esattamente come raccontato da Juan Jesus a posteriori. La mancanza di prove, però, ha bloccato la giustizia sportiva dal procedere contro Acerbi e, dunque, la squalifica non arriverà mai. Il dibattito, però, non si chiuderà, non in poco tempo.

Impostazioni privacy