Giroud o Immobile? Si scatena uno scontro incredibile in diretta

È meglio Ciro Immobile o è meglio Olivier Giroud? L’annosa questione accende un dibattito non da poco in diretta

Ciro Immobile, anni 34 compiuti a febbraio, 284 gol fatti in carriera per le squadre di club, 17 con la maglia della Nazionale maggiore e 9 con l’Under 21. Olivier Giroud, anni 37 – saranno 38 a settembre -, un gol in meno all’attivo in carriera (ma su molte più presenze), primo posto nella classifica marcatori all time, con 57 reti fatte, con la Francia.

Giroud contro Immobile: scontro in diretta
Si accende la discussione su Immobile in diretta (LaPresse) – controcalcio.com

E i trofei vinti? Per l’attaccante e capitano della Lazio, oltre a un campionato di Serie B, si devono annoverare un Europeo, due Supercoppe italiane, una Coppa Italia e una Supercoppa di Germania, ma anche una Scarpa d’oro, vinta nel 2020 con annesso record di gol in una stagione in Serie A. Per il numero 9 del Milan, invece, il palmares è un po’ più ampio, e infatti in bacheca ci sono una Champions League, un’Europa League, un Mondiale, e anche uno scudetto, ovviamente con i rossoneri.

Il paragone tra i due (forse) non regge, eppure per Augusto Sciscione, tifosissimo dei biancocelesti, e Luca Cohen, strenuo sostenitore del Diavolo, ci può essere eccome, tanto che nella diretta di Controcalcio su Twitch si sono scontrati al punto da rendere divertente e un po’ caotico il tutto.

Chi è meglio tra Immobile e Giroud? La domanda fa scoppiare la lite in diretta

Se per Sciscione, infatti, Giroud non riesce neanche a inquadrare la porta la maggior parte delle volte – “Ha tirato più in porta il portiere di lui”, ha detto -, per Cohen quando il francese (che l’anno prossimo lascerà il Milan per un’avventura negli Stati Uniti) vinceva la coppa dalle grandi orecchie, Immobile faceva panchina al Torino, e quindi no, non ci sarebbero dubbi.

Giroud contro Immobile: scontro in diretta
Luca Cohen sostiene che Giroud sia meglio di Immobile (LaPresse) – controcalcio.com

Per loro, perché alla fine, nonostante i numeri di questo campionato diano ragione al milanista – l’ex Chelsea ha all’attivo 14 reti, per il biancoceleste sono ‘solo’ dieci, di cui quattro in Champions League -, non è così scontato che a vincere in un uno contro uno possa essere Giroud. E poi sì, ognuno tira acqua al proprio mulino.

C’è da dire che ormai, per entrambi, le prospettive potrebbero non essere tanto diverse. Se il francese è prossimo all’addio al Milan, come abbiamo detto, anche Immobile potrebbe partire con direzione Arabia Saudita. Ma su quest’ultimo punto non ci sono certezze, al momento.

Impostazioni privacy