Inter, l’addio ora è possibile: Marotta non può farci nulla

Nubi oscure in vista per il club nerazzurro, che fa i conti col possibile addio del big: Marotta ha le mani legate

Mancano due mesi alla fine del campionato e l’Inter, al di là del mezzo passo falso casalingo col Napoli (che ha interrotto una striscia di 10 vittorie consecutive in Serie A) si avvia a conquistare uno scudetto che ha un sapore particolare: sarà il ventesimo, quello della ‘stella’, il primo dell’era Inzaghi.

Inter, l'addio ora è possibile: Marotta non cci può fare nulla
Cessione eccellente in vista per il club nerazzurro (LaPresse) – Controcalcio.com


Negli uffici di Viale della Liberazione si pensa però anche ad un’altra scadenza, che casualmente coincide con quella legata alla fine del campionato: il prestito concesso dal fondo Oaktree a Suning. La questione è strettamente nelle mani del presidente Steven Zhang che, secondo quanto ultimamente riferito dal ‘Corriere dello Sport’, non avrebbe ancora convinto il fondo americano a rinnovare il prestito concesso.

Zhang avrebbe offerto a Oaktree il saldo immediato degli interessi alla scadenza (circa 100 milioni) con un contestuale spostamento della deadline per restituire tutto il prestito al 2026 o 2027 (con beneficio del dubbio sulle date del nuovo finanziamento), aumentando però il tasso di interesse al 16%. Di fronte ai dubbi manifestati dal fondo statunitense, il presidente della Beneamata si sarebbe allora detto disponibile ad alzare il tasso anche al 20%.

Anche questa eventuale ulteriore proposta dell’esponente di Suning non convincerebbe però Oaktree, che potrebbe rivelare direttamente il club per poi trattarne la cessione. Uno scenario che cambierebbe non di poco il futuro immediato dell’Inter, con delle ripercussioni sul mercato che avrebbero degli effetti già nella prossima sessione estiva di scambi.

Inter, arriva la cessione del big: 70 milioni sul piatto

Ecco che allora, sulla scorta di quanto sostanzialmente già accaduto negli ultimi due anni, la dirigenza del club meneghino potrebbe essere ‘costretta’ ad una cessione eccellente. L’ennesima, se consideriamo nel conteggio anche le partenze di Hakimi, Lukaku, Brozovic e Onana. Tutti big che negli ultimi anni hanno lasciato Appiano Gentile per motivi non strettamente tecnici quanto per esigenze di bilancio.

Inter, l'addio ora è possibile: Marotta non cci può fare nulla
Alessandro Bastoni, una delle possibili cessioni eccellenti (LaPresse) – Controcalcio.com

Già corteggiato dai club della Premier League nella scorsa estate – ma sempre blindato con particolare attenzione da Marotta  – Alessandro Bastoni potrebbe essere il sacrificato eccellente dei futuri Campioni d’Italia. Il contratto fino al 2028 – rinnovato all’inizio di luglio 2023 – non garantisce una sicura permanenza del difensore mancino.

Il Liverpool e i due club di Manchester sono pronti a sferrare un assalto che però, per andare a buon fine, dovrà essere accompagnato da un’offerta pari ad almeno 70 milioni. Inutile dire che la disponibilità economica delle tre società citate potrebbe tradursi in una proposta che risponderebbe alla richiesta dell’Inter. Con buona pace di Marotta, degli altri dirigenti, dei tifosi e di Simone Inzaghi.

IL CALCIOMERCATO NON FINISCE MAI:
Non perdere nemmeno un colpo scarica l’app di Calciomercato: CLICCA QUI

Impostazioni privacy