Serie A senza pace, saltano due panchine: è l’ultima speranza

Due compagini di Serie A sperano di risolvere i loro problemi con dei nuovi esoneri. Hanno già cambiato mister da settembre ad ora, e forse adesso è tardi.

Si profilano due nuovi esoneri in Serie A, per via di risultati recenti fin troppo deludenti. Fino ad oggi i cambi di panchina sono stati diversi, da settembre fino a poche settimane fa. Li riportiamo di seguito, prima di vedere quali altre squadre potrebbero scegliere di stravolgere tutto entro breve.

Udinese e Salernitana cambiano allenatore
Saltano due panchine in Serie A (LaPresse) Controcalcio.com

L’ultimo club a cambiare allenatore è stata la Lazio. Nel caso dei biancocelesti però non c’è stato alcun esonero. Ad inizio settimana Maurizio Sarri aveva scelto di rassegnare le dimissioni. Dopo un turno affidato al suo vice, Giovanni Martusciello, c’è la nomina di Igor Tudor a nuovo mister con un contratto di un anno e mezzo di durata.

Gli altri cambi di allenatore, tutti per esoneri imposti dalle dirigenze coinvolte, riguardano Luca Gotti al posto di Roberto D’Aversa al Lecce, Davide Ballardini per Alessio Dionisi al Sassuolo e Francesco Calzona al Napoli in sostituzione di Walter Mazzarri. Quest’ultimo è durato solamente tre mesi sulla panchina dei campioni d’Italia 2022/2023, dove era approdato a novembre dopo avere rimpiazzato Rudi Garcia.

Anche la Salernitana ha avuto tre allenatori sul proprio libro paga in questa stagione, dopo avere iniziato il campionato con Paulo Sousa alla conduzione tecnica. Il portoghese era stato poi sostituito da Filippo Inzaghi, che da qualche settimana ha ceduto a sua volta il posto a Fabio Liverani.

Prossimi altri due esoneri in Serie A, di chi si tratta

La Roma aveva mandato via José Mourinho per scegliere Daniele De Rossi. All’Empoli c’è stato il cambio tra Aurelio Andreazzoli e Davide Nicola a gennaio. Andreazzoli era stato chiamato a sua volta dal presidente Fabrizio Corsi per avvicendarsi con Paolo Zanetti, esonerato a settembre.

Altri esoneri per Udinese e Salernitana, via Cioffi e Liverani
Udinese Salernitana (Foto Ansa) Controcalcio.com

In casa Udinese l’esonerato Andrea Sottil aveva dovuto fare posto a Gabriele Cioffi verso fine ottobre. L’ex difensore di Mantova e Torino è alla sua seconda esperienza sulla panchina dei friulani, già guidati nel 2021 quando lui prese il posto di Gotti. Cioffi conseguì un buon dodicesimo posto finale, poi andò ad allenare il Verona un po’ all’improvviso ma lì non finì altrettanto bene, con un esonero.

Ora proprio l’Udinese e la Salernitana potrebbero decidere di dare uno scossone con un ulteriore cambio in panchina. La situazione dei campani è la più disperata in assoluto. I granata sono ultimissimi in classifica e la permanenza in Serie A dista ad oggi undici punti.

Troppe sono state le occasioni buttate dal club presieduto da Danilo Iervolino, che ha perso o pareggiato fin troppi scontri diretti. Ad oggi si profilano il ritorno di Filippo Inzaghi, mandato via proprio da Iervolino lo scorso 24 febbraio, oppure la chiamata di Stefano Colantuono al posto di Liverani.

L’Udinese invece starebbe seriamente valutando di sollevare Cioffi dal suo incarico per richiamare Sottil. La vittoria-blitz in casa della Lazio di pochi giorni fa era stata solo illusoria, con i friulani che hanno conseguito solamente quattro successi da agosto a metà marzo. Ed assieme alla Salernitana a quota due, i bianconeri sono la squadra che ha vinto di meno in questo campionato.

Impostazioni privacy