Inter, primo colpo targato Handanovic: ma non è un portiere

L’Inter avrebbe già nei suoi pensieri un acquisto in vista della prossima sessione estiva di calciomercato: c’è di mezzo Samir Handanovic.

Come si può migliorare quella che ad oggi è nettamente la rosa più forte e completa dell’intera Serie A? Adesso arriva il difficile, perché un club come l’Inter ha sempre il dovere di alzare l’asticella puntando al massimo. Ora in Italia i nerazzurri dominano incontrastati, ma l’obiettivo del club lombardo è crescere sempre di più anche in Champions League.

L'Inter fa il colpaccio targato Handanovic in Serie A
Primo colpo targato Handanovic: l’Inter pesca in Serie A (LaPresse) – Controcalcio.com

E per far sì che ciò accada, ovviamente, non è possibile prescindere dal calciomercato. Non a caso, la coppia vincente composta da Giuseppe Marotta e Piero Ausilio si è già attivata mettendo praticamente a referto altri due colpi a parametro zero davvero niente male. Piotr Zielinski e Mehdi Taremi, a meno di clamorose sorprese, rinforzeranno l’organico della ‘Beneamata’, aiutandola a tagliare nuovi traguardi assai prestigiosi.

Marotta ed Ausilio rappresentano una garanzia assoluto per l’Inter, così come mister Simone Inzaghi che si è reso protagonista in positivo di un lavoro a dir poco eccellente negli ultimi mesi. Si registra comunque un po’ di ansia nell’ambiente per quanto concerne il rinnovo di capitan Lautaro Martinez, il cui contratto è in scadenza il 30 giugno del 2026.

Ad ogni modo, sia l’attaccante argentino che Marotta hanno sottolineato la volontà di entrambe le parti in causa di proseguire il matrimonio in questione. Discorso ben differente, invece, sul fronte Denzel Dumfries. Il termine dell’accordo scritto del laterale olandese è previsto per il 30 giugno 2025 e la distanza sul nodo ingaggio non è stata diminuita, anzi.

L’ex PSV Eindhoven ed il suo entourage chiedono un aumento dello stipendio sui 5 milioni più bonus, mentre l’offerta del club è di 3,8 milioni più bonus. Insomma, la forbice tra domanda e offerta è abbastanza consistente, di conseguenza non è assolutamente da escludere che Dumfries possa abbandonare la nave nerazzurra durante la prossima estate.

Inter, Handanovic ‘osservatore’ al Franchi: l’ipotesi Kayode per il post Dumfries prende quota

D’altronde l’olandese è forse l’elemento più sacrificabile della truppa interista, col prezzo del cartellino che si attesta intorno ai 35-40 milioni di euro. Dumfries, che ultimamente è tornato regolarmente a disposizione di Inzaghi, vanta non pochi estimatori in giro per l’Europa e l’Inter, che non lo ritiene affatto incedibile, si guarda attorno alla ricerca di valide alternative.

L'Inter fa il colpaccio targato Handanovic in Serie A
Kayode nel mirino dell’Inter: Marotta ci pensa per il dopo Dumfries (LaPresse) – Controcalcio.com

Buchanan ha talento eccome, ma sarebbe ugualmente opportuno aggiungere al team un’altra pedina in quella zona di campo per rimanere altamente competitivi sia in Serie A che in Champions. Ecco che tramite Samir Handanovic, il quale era presente lunedì sera allo stadio Artemio Franchi per la sfida Fiorentina-Lazio, si starebbe facendo avanti il nome di Michael Kayode, giovane prospetto in forza alla squadra guidata da Vincenzo Italiano.

È un classe 2004, che il prossimo 10 luglio compirà 20 anni. Profilo estremamente intrigante, ragion per cui servirà comunque un’offerta sostanziosa per strapparlo alla Fiorentina. L’italo-nigeriano potrebbe crescere molto sotto la guida di Inzaghi, bravissimo a valorizzare calciatori inesperti. Pista da monitorare.

Impostazioni privacy