Caos social dopo Lazio-Milan: due giocatori a rischio squalifica

Lazio-Milan è una partita che farà parlare di sé ancora per tanto tempo, considerato il fatto che quanto si è visto a ieri all’Olimpico non succedeva da tempo su un campo di calcio.

3 espulsi, svariate ammonizione e maxi rissa al momento del triplice fischio. Tutto questo perché il discutibile arbitro Di Bello non è stato in grado di mantenere saldi i nervi della partita, che dopo l’errore Pulisic-Pellegrini gli è definitivamente sfuggita di mano. A fronte di questo, considerata anche la sconfitta, nel post partita dell’Olimpico è uscita fuori tutta la rabbia dell’ambiente biancoceleste, soprattutto sui social, dove due dei pilastri della formazione di Maurizio Sarri si sono spinti forse oltre esibendosi al rischio di una pesante squalifica.

Bufera social dopo Lazio-Milan, può intervenire la Procura Federale
Bufera social dopo Lazio-Milan, due giocatori a rischio maxi squalifica (LaPresse) – controcalcio.com

Caos social dopo Lazio-Milan: occhio alla possibile squalifica

Mai come quest’anno il sistema arbitrale italiano sta avendo delle difficoltà, anche perché sono innumerevoli gli errori commessi. Gli ultimi, in ordine cronologico, ieri, considerato il fatto che l’arbitro Di Bello è stato senza ombra di dubbio il protagonista inaspettato di Lazio-Milan. Dopo un primo tempo tutto sommato tranquillo, il fischietto di Brindisi ha poi perso le redini della partita al 57′ di gioco, quando ha estratto il secondo giallo al difensore biancoceleste Pellegrini espellendolo.

Potrebbe sembrare una normale decisione di campo, peccato che questa sanzione sarebbe frutto di un’incomprensione di campo fra il laziale e lo stesso direttore di gara, che non si è capito se volesse interrompere o meno il gioco dopo un duro scontro di gioco che ha visto l’attaccante della Lazio Castellanos avere la peggio. In questa circostanza è stato scaltro Pulisic a sfruttare questa situazione e causare quest’espulsione, che ha decisamente spostato gli equilibri della partita a favore del Milan.

Da quel momento in poi non si è capito più nulla, con la Lazio che ha finito la partita addirittura in 8. Oltre alle dure parole di Lotito, anche i giocatori hanno espresso tutto il loro disappunto per quanto successo, soprattutto sui social, con lo stesso Pellegrini e Immobile che forse si forse spinti addirittura oltre. A fronte della parole scritte su Instagram, la Procura Federale potrebbe aprire un fascicolo nei confronti dei due giocatori della Lazio mettendoli difronte al rischio squalifica, ma al momento ancora nessuna novità è arrivata su questo fronte, e non è neanche detto che ci sarà.

Lazio-Milan: ecco cosa hanno detto Pellegrini e Immobile

Lotito e Luis Alberto nel post partita, passando per Romagnoli nell’immediato fine partita, sino ad arrivare a Pellegrini ed Immobile. Tutti questi esponenti della Lazio hanno espresso il loro disappunto per come l’arbitro Di Bello ha arbitrato Lazio-Milan, con gli ultimi due, come anticipato, che forse si sono lasciati prendere troppo dal nervosismo sui social.

Luca Pellegrini, uno dei tre espulsi del match, sul proprio profilo Instagram ha scritto: “Chiedo scusa […]. La prossima volta calcerà la palla fuori dallo stadio di sicuro, considerato il fatto che il sangue in faccia al mio compagno di squadra e il fatto che io mi fermi non è stato sufficiente per l’arbitro. Ha vinto l’antisportività […]“. Parole tutto sommato tranquille ma ricche di rancore quelle del difensore laziale, le quali sono state commentate da Ciro Immobile, che ha scritto. “Pure scusa chiedi????? Ma qui si può parlare? No perché in campo nn si poteva c’era il vigile che te lo impediva“. Insomma, la tensione è ancora palpabile, e non è da escludere che queste parole possano ritorcersi contro soprattutto al capitano biancoceleste. Staremo a vedere.

Le reazioni social dopo Lazio-Milan dei giocatori biancocelesti
Le reazioni social dopo Lazio-Milan di Immobile e Pellegrini potrebbero attirare l’attenzione della Procura (LaPresse-Instagram) – controcalcio.com
Impostazioni privacy