Allegri, pronto il piano di riserva: dopo la Juve, ecco dove allenerà in Italia

Il futuro di Max Allegri in panchina potrebbe nuovamente coinvolgere la Serie A, il tecnico punta una nuova big dopo la Juve.

I sei scudetti vinti da Max Allegri sono una garanzia di affidabilità, l’allenatore livornese potrebbe rilanciare un progetto tecnico importante e provare a vincere anche altrove.

Nuova panchina per Allegri
Max Allegri valuta una nuova meta (LaPresse) – controcalcio.com

La stagione bianconera sinora è stata soddisfacente, gli ultimi quindici giorni hanno un po’ rimesso tutto in discussione. Il pari contro l’Empoli ma soprattutto la sconfitta contro l’Inter riportano Allegri sulla graticola per il futuro, il tecnico bianconero non è così sicuro di poter rimanere a Torino anche per la stagione 2024-25.

Il suo contratto scadrà tra diciotto mesi circa ma il tecnico potrebbe anche lasciare anticipatamente la Juventus. Cristiano Giuntoli non si dispererebbe più di tanto, puntando per il futuro su un nuovo talento della panchina (Thiago Motta o Palladino), Allegri invece potrebbe trovare una nuova big che lo accoglierebbe un po’ a sorpresa in Serie A.

Allegri resta in Italia, colpo per una big

Il mercato delle panchine sarà abbastanza movimentato sia in Italia che in Europa. Tecnici come Klopp e Xavi hanno annunciato il loro addio da Liverpool e Barcellona a fine stagione, il Chelsea saluterà Pochettino e anche in Italia ci saranno tante big pronte a rivoluzionare un po’ tutto. Allegri, in caso di addio alla Juve, potrebbe diventare una prima scelta nel campionato italiano, è uno dei tecnici più vincenti e determinato per affrontare una nuova sfida. Allegri nuovo allenatore della Roma può essere un’ipotesi interessante da valutare.

Nuova panchina italiana per Allegri
Dalla Juve alla Roma, Allegri già ha testato le poltrone dell’Olimpico (LaPresse) – controcalcio.com

Non ci sono stati ancora dei contatti tra le parti, ma il tecnico bianconero potrebbe diventare una scelta interessante per i Friedkin. Dopo l’esonero di Mourinho e l’interregno di De Rossi, i giallorossi dovranno affidarsi a un allenatore di grande esperienza. Il preferito resta Antonio Conte, ma le richieste del tecnico leccese potrebbero scontrarsi con un mercato senza troppa liquidità a disposizione, non sarà facile portare a Roma l’ex mister del Tottenham senza la garanzia di acquistare almeno tre-quattro top player.

Un discorso diverso, invece, potrebbe riguardare Allegri, già abituato a situazioni non floridissime dal punto di vista del mercato. Nelle sue stagioni con il Milan si adattò un po’ alle rose costruite da Adriano Galliani, negli ultimi anni alla Juventus ha avuto qualche top player (che ha fatto flop), ma ha dovuto anche lavorare con tanti giovani, valorizzandoli al meglio. Guardando a quanto fatto in collaborazione con la Next Gen, la Roma potrebbe essere stuzzicata dall’idea Allegri, al quale potrebbe essere proposto un triennale. Il mister livornese lavorerebbe con un blocco solido di big (ritrovando anche Dybala), ma anche con tanti prospetti dalle giovanili, che avrebbero una maggiore fiducia da tutto l’ambiente.

Impostazioni privacy