Haaland asfalta Sinner: la risposta stupisce tutti

Le parole sorprendenti del forte centravanti del Manchester City sul tennis internazionale e soprattutto sul nostro Jannik Sinner.

L’enfant prodige del calcio mondiale è senza dubbio, da qualche anno a questa parte, Erling Haaland. Vale a dire il calciatore norvegese del Manchester City che fin dai suoi primi esordi nel calcio che conta ha sorpreso tutti, con quella fisicità prorompente e quella capacità di fare gol così naturale e quasi semplice.

Haaland, giudizio sul tennis
Il giudizio di Erling Haaland sul tennis di oggi (Ansa) – Controcalcio.com

Haaland in questo momento è stranamente fermo ai box, per via di alcuni stop muscolari inediti per uno con la sua forza fisica, ma ha già messo a segno 19 reti in stagione. Il giovane bomber ha approfittato di questa pausa forzata per intervenire al podcast del suo club e parlare in generale di tematiche sportive e non solo.

A sorpresa Haaland ha svelato che il suo modello, il suo punto di riferimento a livello sportivo e tecnico, non è un calciatore. Chi si aspettava potesse citare un campione del passato, come Ronaldo o Ibrahimovic, resterà sorpreso: il vero idolo di Robocop è un tennista, uno dei più forti in circolazione.

Niente Sinner, il preferito di Haaland è un altro tennista

Erling Haaland ha ammesso candidamente che il suo modello per carattere, agonismo e concentrazione sul campo si chiama Novak Djokovic. Ovvero il numero 1 del ranking mondiale, il tennista più vincente di sempre. Una scelta assolutamente condivisibile proprio per i traguardi raggiunti in carriera dal serbo.

A me piace Djokovic. Penso che sia molto bravo e soprattutto lui è sempre se stesso. Tutto ciò che ha ottenuto è incredibile, venendo dal nulla e dal suo paese”. Parole chiare quelle di Haaland che spiega il motivo della sua scelta. Sorprende solo il fatto che l’attaccante norvegese abbia snobbato Jannik Sinner nel parlare di tennis, ovvero l’uomo del momento nel mondo delle racchette.

Sinner non è il preferito di Haaland
Jannik Sinner non è ancora al top delle preferenze (Ansa) – Controcalcio.com

Il tennista azzurro sarebbe in teoria paragonabile a Haaland: entrambi giovanissimi, forze della natura, che fanno della continuità e della freddezza i loro punti di forza. Anche per una questione generazionale si poteva pensare ad un parallelismo fra questi fuoriclasse. Ma Haaland ha preferito citare Djokovic, che sicuramente rappresenterà un modello anche per il nostro Jannik.

Ora sta a Sinner far sì che nei prossimi anni diventi lui un riferimento, un idolo per le nuove generazioni. L’altoatesino ha tutta la vita davanti a sé, soprattutto dal punto di vista agonistico. Un po’ come Haaland, altro predestinato che farà parlare tanto in futuro.

Impostazioni privacy