Calcio di rigore assurdo: UFFICIALE, la partita si deve rigiocare

Decisione ufficiale da parte del consiglio disciplinare della lega: la partita si deve rigiocare dopo l’assurdo calcio di rigore.

Nell’ultimo periodo gli arbitri sono finiti nella bufera non solo in Italia, ma anche in Europa dove ci sono stati davvero errori pesanti che hanno condizionato in maniera decisiva il risultato di alcune sfide.

Calcio di rigore assurdo e gara da rigiocare: la decisione è ufficiale
Decisione ufficiale: la gara va rigiocata dopo il rigore assurdo (Ansa) – ControCalcio.com

Per conferma chiedere ad esempio all’Almeria che, avanti 2-0 contro il Real Madrid, si è visto rimontato sul 2-2 da un gol di Vinicius chiaramente segnato con il braccio, ma convalidato comunque dal VAR che ha giudicato il tocco del brasiliano di spalla. Il club biancorosso ha poi perso quella partita negli ultimi minuti di gioco e le polemiche che si susseguirono furono molte.

Polemiche che, però, non ci sono state solo nei campionati top come Serie A e Liga, ma anche in quelli leggermente inferiori come ad esempio quello belga. Lo scorso 23 dicembre, infatti, in Pro League si è disputata la sfida di Pro League tra Anderlecht Genk che fu vinta 2-1 dai padroni di casa tra le proteste degli ospiti che si videro annullati ingiustamente il gol dell’1-0 su segnalazione del VAR

Il club azzurro, però, diversamente da altre squadre, si è legata al dito quanto accaduto ed ha portato il caso davanti al consiglio disciplinare che ha stabilito come la partita debba rigiocarsi per un’errata applicazione del regolamento, emettendo una sentenza storica.

Sentenza storica in Belgio: Anderlecht-Genk si rigioca dopo l’errore del VAR

Quando ci sono degli errori arbitrali, da parte di squadre e tifosi c’è sempre molta rabbia, ma spesso lo si accetta e si avanti. Tuttavia, questo non è accaduto nel caso del Genk che ha chiesto ed ottenuto dal consiglio disciplinare della Pro League di poter rigiocare la sfida persa 2-1 contro l’Anderlecht dello scorso 23 dicembre per errore del VAR.

In quella partita, il club azzurro si vide annullato il gol del possibile 1-0 realizzato da Sor che si avventò sulla respinta di Schmeichel sul rigore di Heynen. La rete fu annullata poiché, a detta del VAR, Sor era entrato troppo presto in area prima che il rigore fosse calciato. Le immagini, però, hanno mostrato come anche due giocatori dell’Anderlecht erano entrati in area in anticipo e regolamento alla mano il rigore era da ripetere.

Anderlecht-Genk si rigioca dopo l'errore del VAR: la sentenza è storica
Sentenza storica: Anderlecht-Genk si rigioca dopo l’errore del VAR (Ansa) – ControCalcio.com

Anche il consiglio disciplinare della Pro League si è detto d’accordo con il Genk e con una sentenza storica ha deciso che la partita debba essere rigiocata interamente a causa di un errore nell’applicazione delle regole. Una sentenza che crea un precedente importante nel calcio dove mai si era dovuto rigiocare una partita per un errore del VAR.

Da parte sua, invece, l’Anderlecht ritiene come sia stato un errore umano e non un’errata applicazione del regolamento ed è per questo motivo che ha scelto di presentare ricorso contro tale decisione e mantenere i 3 punti conquistati sul campo.

Impostazioni privacy