Addio Milan, ha detto ancora No

Niente da fare per il Milan: il calciatore dice ancora no, addio alla possibilità di approdare in rossonero per lui. La clamorosa rivelazione

Sembra essere una costante nella carriera di questo giocatore dire sempre no a tutti i trasferimenti che gli si palesano davanti alla propria strada, anche se le proposte sono da parte di club più blasonati e ricchi. Niente da fare per il Milan che aveva approcciato uno dei migliori giocatori del campionato nel suo ruolo, ma ha dovuto incassare un altro no e adesso è davvero addio alla possibilità che possa vestire la maglia rossonera.

Addio Milan, dice ancora no
Stefano Pioli non avrà il calciatore che dice ancora no: addio Milan – (ANSA) – controcalcio.com

La rivelazione l’ha fatta direttamente il suo presidente. Chissà se per pavoneggiarsi di questa nuova e improvvisa bandiera che sembra avere il calcio italiano oppure se c’è davvero stato un interessamento concreto da parte dei rossoneri con secco no da parte del giocatore. Di sicuro l’ultima volta andò così, anche se in mezzo non c’erano i meneghini ma un altro club.

Dice ancora no, il giocatore non andrà al Milan

Alessandro Buongiorno è cresciuto nel settore giovanile del Torino, dove gioca stabilmente da quando era bambino e dove si è imposto nelle ultime stagioni fino ad approdare in Nazionale. Si parla un gran bene di lui ed è probabilmente il difensore del futuro dell’Italia insieme a Scalvini. Questa è sicuramente la sua stagione, uno dei migliori difensori in serie A per prestazioni e gol. La media-voto non lascia adito a dubbi.

Milan, dice ancora no al trasferimento
Alessandro Buongiorno dopo l’Atalanta ha rifiutato anche il Milan? – (ANSA) – controcalcio.com

La grande annata che sta vivendo è arrivata dopo quanto successo la scorsa estate quando ha rifiutato il trasferimento all’Atalanta. Era tutto fatto per il suo approdo a Bergamo, con tutte le parti d’accordo.

Alla fine l’accordo è saltato perché il giocatore non se l’è sentita di lasciare il capoluogo piemontese, volendo restare in granata. Un attaccamento alla maglia raro ai giorni di oggi che gli è valso la fascia da capitano che oggi indossa con fierezza e orgoglio. Non solo la Dea però.

Secondo quanto raccontato dal presidente del Torino, Urbano Cairo, sul giocatore sarebbe piombato più di recente anche il Milan e anche in questa occasione la risposta del centrale sarebbe stata la stessa della precedente. No secco, non vuole andare via dal Torino. Almeno non ora. Una bella storia da raccontare, dove le bandiere sono sempre più rare.

IL CALCIOMERCATO NON FINISCE MAI: Non perdere nemmeno un colpo scarica l’app di Calciomercato: CLICCA QUI

Impostazioni privacy